Quando la bellezza di un Fiore
si unisce all'eleganza dell'Alta Moda di Grace Ciao!
(14-06-2018)



Fiori di ciliegio, rose, gigli e peonie,
sono questi i fiori preferiti dalla geniale illustratrice malesiana Grace Ciao,
una vera e propria icona nel campo dell'alta moda, capace di fondere i tratti
e i colori sapientemente prodotti dalla sue mani talentuose con quelli dei petali naturali.
Il risultato, a dir poco entusiasmante, lo potete apprezzare da queste immagini.
Ad oggi non si contano le collaborazioni prestigiose che questa giovanissima  
artista, poco più che ventenne, ha inserito nel proprio portfolio:
brand come Louis Vuitton, Chanel, Fendi, Dior, Elie Saab e perfino Jaeger LeCoultre,
solo per citarne alcuni, hanno fin da subito intuito il potenziale creativo
di un gesto tanto semplice quanto efficace, come quello di unire l'arte
alla natura, in un abbraccio che travalica l'immaginazione artistica, a servizio della moda.
Come racconta la stessa Grace dalle pagine del suo sito: "Sono costantemente ispirata dalla natura,
ed il motivo per cui amo usare i petali dei fiori è da rintracciare nella loro delicatezza,
in grado di imitare quella  del tessuto di un vestito. I fiori, in particolare,
sono una fonte d'ispirazione tattile straordinaria. L'eleganza vellutata che trasmettono
sotto le dita mi permette di immaginare il vestito come se l'avessi già indosso..."

Tag: vivaio,pugliesi,garden,piante,fiori,grace,ciao,moda,brand,fashion,louis,vuitton,chanel,fendi,dior,elie,saab,jaeger,lecoultre...


 
 
 
 
 

Un Orecchio Speciale
per un Concerto tutto al Naturale!
(11-06-2018)


Quella degli studenti estoni dell'Accademia delle Belle Arti
di Pähni Nature Centre
è stata veramente un'intuizione felice,
in grado di unire l'amore per le foreste incontaminate del loro territorio
a quello per la ricchezza dei suoni che vi albergano, attraverso l'espressione più tangibile
di una flora rigogliosa e di una fauna sempre all'opera. E non è un caso se utilizziamo
proprio questo termine, "opera", perché - in definitiva - di un concerto si tratta.

Un concerto sempre nuovo ed emozionante, coordinato dal migliore
dei direttori d'orchestra: la natura. Immaginatevi a godere delle atmosfere romantiche
suggerite dal suono delle fronde degli alberi mosse dal vento, dal cadere ritmico della pioggia,
piuttosto che dal sottofondo incessante ma discreto degli insetti. O da un assolo
improvvisato e melodioso di un uccello. Il tutto mentre ve ne state distesi all'interno
di una sorta di gigantesco megafono in legno che ne amplifica le frequenze.
Ecco, loro l'hanno immaginato, e da lì alla realizzazione il passo è stato veramente breve.
Gli scatti del fotografo Tõnu Tunnel ne mettono a nudo tutta l'essenziale bellezza.
L'esperimento, avviato ormai da qualche anno, prevede l'utilizzo di tre grandi strutture  
che col passare del tempo saranno "riassimilate" in maniera del tutto naturale
dal contesto stesso in cui sono state poste, nel pieno rispetto del paesaggio e del suo ecosistema.
Una iniziativa questa davvero lodevole che speriamo possa vantare presto degli emuli eccellenti.
Magari anche all'interno del nostro territorio nazionale. Non siete d'accordo con noi?


Tag: vivaio,pugliesi,garden,piante,fiori,boschi,foreste,suoni,megafoni,tõnu,tunnel,pähni,nature,centre...


 
 
 
 
 

Lo stravagante e raro
bipolarismo della Mela "Chimera"!
(10-05-2018)


A guardarla bene sembra proprio il risultato curioso della sapiente manipolazione
digitale di un utilizzatore provetto, alle prese con uno di quei programmi di fotoritocco.
O se preferite l'incidente di un incrocio botanico troppo azzardato fra mele di diversa tipologia.
"Uno su mille ce la fa" cantava negli anni '80 il Giannone nazionale dalle grandi mani.
Qui però ci troviamo di fronte a qualcosa di molto più raro ed esclusivo, tanto che non è scorretto
correggere il tiro e azzardare un "Una su un milione ce la fa"! La divisione così netta
nella colorazione della buccia in questo tipo di mele, infatti, dipende da un'anomalia genetica
così rara che ne colpisce giusto una su un milione.
Quello che in molti non sanno, invece,
è il fatto che il genoma delle mele sembra essere più di altri sensibile alle lusinghe delle mutazioni.
In questo caso poi le differenze non si limitano alla sola buccia: le due parti sono marcatamente
differenti anche al di sotto di essa, proponendo per ognuna consistenze e sapori diversi:
aspra e soda la verde "Granny Smith", dolce e morbida la rossa "Delicious".


Tag: vivaio,pugliesi,garden,piante,fiori,mele,mela,apple,chimera...

 
 
 
 
 
 

pag. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 >

 
 
 
 

Iscriviti gratuitamente al nostro blog, 
riceverai in tempo reale tutti gli aggiornamenti
sui nuovi post pubblicati!

 
 
 


Copyright © 2017 by Vivaio Pugliesi - Variante della S. P. Canepinese 2 - 01039 - Vignanello (Viterbo)
P. Iva & C. F.  01885760569  - Privacy - Cookie
Tel: 0761.754819 - mail: info@vivaiopugliesi.it - www.vivaiopugliesi.it
Powered by Pugliesi s.r.l.