Fiori recisi:
come conservarli belli e profumati il più a lungo possibile! 
(20-11-2015) 
 

www.vivaiopugliesi.it

Descrizione immagine


"Forse non tutti ne sono a conoscenza ma al nostro Vivaio oltre alle piante da interno,
da esterno, da frutta e da orto, abbiamo in vendita una gran quantità di fiori freschi, recisi,
apprezzati ed impiegati con successo e soddisfazione in molte ricorrenze, sia attraverso eleganti
ed originali composizioni che andranno ad illuminare e impreziosire le nostre case,
che in semplici mazzi pronti all’uso. Quanti di noi ne hanno ricevuti durante l’arco della propria vita,
a testimonianza dell’affetto e della vicinanza di chi ci è caro? Quante volte noi stessi ne abbiamo regalati,
e quante volte ancora abbiamo avuto il desiderio che queste testimonianze, così discrete,
rimanessero il più a lungo possibile a tenerci compagnia, allontanando col pensiero il momento
di doverli vedere appassire? Bene, in questo post troverete un mucchio di suggerimenti grazie ai quali
riuscire nell’intento di conservare tutta la bellezza e tutto il profumo dei nostri amati fiori recisi.
Andiamo ad iniziare quindi! Se di un mazzo si tratta, appena giunto a casa la prima regola vuole che ci si liberi
immediatamente dell’incarto, per riporre i fiori all’interno di un vaso pulito, di grandezza adeguata
e con dell’acqua pulita anch’essa, badando bene di sistemare quest’ultimo in un posto all’ombra, fresco e ben areato,
seppur privo di fastidiose e dannose correnti d’aria. Inutile sottolineare che l’acqua andrebbe cambiata tutti i giorni.
In pochi sanno che i fiori recisi andrebbero tenuti lontani anche da ceste di frutta matura, in quanto quest’ultima,
producendo etilene, contribuisce ad accelerarne il deterioramento. I principali nemici dei fiori recisi sono i funghi e i batteri
che si vanno a depositare nell’acqua e sugli steli per effetto di un processo naturale di marcescenza che, ahinoi,
non può essere evitato, ma ritardato si. In tal senso va fatto un discorso molto chiaro a proposito degli steli:
andrebbero immersi nell’acqua per circa 1\5 della loro lunghezza complessiva, e almeno per la parte
immersa privati delle foglie. In caso di rose, poi, dovremmo andare a rimuovere con molta attenzione tutte le spine
della parte inferiore onde evitare che possano essere motivo di lacerazioni, a loro volta richiamo irresistibile,
come dicevamo, per funghi e batteri. Quando tagliamo gli steli facciamolo praticando un taglio netto
con un angolo di circa 45°, utilizzando degli strumenti idonei che aiutano l’incisione senza compromettere la futura
capacità di assorbimento dei fluidi ad opera dei canali vascolari interni. Strumenti quali cesoie da giardiniere,
coltelli e taglierini ben affilati. Evitiamo invece l’uso delle classiche ‘forbici di casa’ che spesso più che tagliare
tendono solo a schiacciare e a sfilacciare, soprattutto se lo stelo è di grandi dimensioni
o particolarmente coriaceo. Nel caso di fiori con lo stelo cavo, come ad esempio i tulipani,
il taglio andrebbe praticato quando quest'ultimo si trova completamente immerso nell’acqua, per evitare
la formazione di potenziali bolle d’aria interne. Oltre a questi accorgimenti ci sono tutta una serie di sostanze,
d’uso comune, presenti all’interno di ognuna delle nostre abitazioni, che disciolte nell’acqua
aiutano a rallentare e contrastare -a volte anche in maniera significativa- l’azione dei funghi e dei batteri:
che si tratti dello zucchero, dell’aceto, della vodka, della soda, del succo di limone
o del rame contenuto in una piccola monetina, piuttosto che della candeggina o dell’aspirina in compresse…
Tutto fa brodo quando è in gioco il nutrimento e la protezione dei nostri fiori recisi.
Se poi cercate delle soluzioni già pronte in bustina non dovete far altro che rivolgervi
al vostro Vivaista o fiorista di fiducia!..."

 

www.vivaiopugliesi.it



www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it



Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, recisi, freschi, vaso, mazzi, acqua, ricorrenza, bouquet...   







L’Albero della Vita…Che sopravvive davvero!
(10-11-2015)


www.vivaiopugliesi.it


"Con l’esperienza straordinaria dell’Expo 2015 appena conclusa per la città di Milano,

ci si pone in questi giorni il problema del dopo: che ne sarà di tutte le strutture impressionanti
messe in piedi negli ultimi sei mesi dopo che tanto hanno regalato, in termini di emozioni,
a milioni di visitatori giunti un po’ da tutto il mondo? E dell’Albero della Vita
che ne è diventato il simbolo? Quale sarà il suo destino? Dopo le numerose difficoltà
sorte solo per un ipotetico spostamento in altro luogo, dovute soprattutto ai costi legati
alla manutenzione e alla gestione dell’impianto, non può che risaltare agli occhi
l’esempio di chi, a problematiche della stesso tipo riferite a strutture del tutto simili
al nostro famoso Albero della Vita, è riuscito nell’impresa quasi impossibile
di trovare delle soluzioni efficaci: le immagini parlano da sole. Si tratta dei 'super trees',
ospitati all’interno del parco
Gardens by The Bay
, al centro della città di Singapore.
Gli ingegneri che hanno realizzato questi super alberi, come amano definirli,
e che ricordiamo in tutto sono ben diciotto e si innalzano al cielo per un’altezza che va dai 25 ai 50 metri,
hanno pensato bene di renderli funzionali ed autonomi dal punto di vista energetico,
tanto che spesso contribuiscono al fabbisogno del parco che li ospita. Dovete sapere infatti
che le strutture dei tronchi, in cemento e acciaio, sono rivestite da più di 163000 piante
di ben 200 specie diverse creando, di fatto, una sorta di vera e propria ‘epidermide vegetale’
che aderisce ricoprendole per intero. Uno degli esempi meglio riusciti di giardino verticale mai realizzato.
Al loro interno poi vi è un complesso sistema di canalizzazioni circolari
che riesce ad utilizzare fino al 100% dell’acqua raccolta durante le piogge.
Ma la vera chicca sta nelle fronde che ospitano dei pannelli fotovoltaici in grado di produrre
così tanta energia elettrica che quando non viene impiegata per esigenze di altre strutture
sempre interne al parco, o nel filtraggio dell’aria, viene utilizzata per alimentare i numerosi
spettacoli di luci che affascinano i visitatori, e che in breve sono divenuti
una delle attrazioni principali del parco, soprattutto al calar della sera.
Qui sotto, oltre alle immagini in grado di dare un piccolo assaggio della bellezza
dell’intera installazione, trovate anche il link al sito ufficiale del parco
ed un video che ne descrive gran parte delle eccezionali caratteristiche!..."

 

www.vivaiopugliesi.it



www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it


Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori... 







Olla: una tecnica di irrigazione
che sfrutta con successo
le caratteristiche uniche della terracotta!

(08-10-2015)


www.vivaiopugliesi.it


"C’è una tecnica di irrigazione, nota ai contadini di tutto il mondo fin dalla notte dei tempi,

che sfrutta una delle proprietà più apprezzate della terracotta: quella della traspirazione.
Se l’approvvigionamento idrico delle colture dei nostri giardini e dei nostri orti
venisse approntato su questo modello, si arriverebbe, in breve, a godere di numerosi vantaggi,
primo fra tutti quello del risparmio dei consumi di un bene sempre più prezioso, come l’acqua.
Un risparmio che in molti casi ci sorprenderemmo ad attestare intorno al 70%.
Come iniziare ad utilizzare le nostre prime ‘Olle’? Niente di più semplice:
basta procurarsi i tipici contenitori in coccio, riempirli d’acqua e seppellirli ‘fino al collo’ in giardino,
avendo l’attenzione di porli in prossimità delle piante che vogliamo mantenere in salute e ben idratate.
A noi il compito di riempirle ogni qualvolta ce ne sarà la necessità,
alla terracotta quello di rilasciare nel tempo la giusta quantità d’acqua!..."

 

www.vivaiopugliesi.it



www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it



Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, natura, irrigazione, olla, acqua, annaffiare, agricoltura... 






 


Alla scoperta dei ‘Bugs Hotel’ ! 
(24-09-2015) 


www.vivaiopugliesi.it


"Lo sapevate che in giro per il mondo esistono milioni di alberghi per insetti?
Proprio così! Si tratta di costruzioni realizzate artigianalmente con materiali di scarto,
per lo più di origine naturale, in grado di offrire ai nostri piccoli amici  
una soluzione ideale per superare senza troppi problemi le stagioni più rigide dell’anno.
Sappiamo bene che gli insetti sono in grado di badare a loro stessi
anche senza il nostro aiuto, ma esistono tutta una serie di motivi per allestire
come si deve un ‘Bugs Hotel’, primo fra tutti quello della biodiversità,
che, ricordiamolo, ci mette nelle condizioni migliori per combattere sul campo
una battaglia senza sconti contro alcune delle malattie e dei parassiti che infestano
maggiormente i nostri orti e i nostri giardini, attraverso la presenza di insetti ‘buoni’,
come le coccinelle, i vermi, i lombrichi, le farfalle, le api e le sirfidi:
mettergli a disposizione un hotel a cinque stelle ci sembra il minimo
che possiamo fare per sdebitarci con loro, non siete d’accordo con noi?
Ma come si costruisce un albergo per insetti? Partendo dal principio, fondamentale,
che anche della vecchia legna accatastata può rappresentare un ottimo rifugio
per tanti di questi utili animaletti, non dovete far altro che procurarvi un trapano,
dei chiodi, delle assi di legno e mettervi in gioco con un po’ di fantasia.
Le immagini che abbiamo integrato al post sono piuttosto esaustive.  
Solo alcuni suggerimenti: è molto importante che la struttura
che andrete a realizzare sia esposta al sole e al riparo dal vento,
questo per scongiurare i pericoli concreti legati alla muffa e all’umidità
che può svilupparsi all’interno; per gli stessi motivi e sempre bene iniziare
a costruire a non meno di un metro da terra, avendo l’attenzione
di disporre il materiale più pesante sempre in basso e quello più leggero in alto;
sbizzarritevi nell’uso di componenti in grado di offrire cavità di diverse grandezze,
in modo da dare ricovero ad insetti di taglie differenti; un trapano, con molte punte,
in questo senso tornerà utile qualora vogliate scegliere di perforare voi stessi una superfice
all’origine integra e compatta. Sappiate, inoltre, che proprio come per gli alberghi
costruiti per noi esseri umani, anche quello per gli insetti avrà bisogno
del suo bel lancio pubblicitario per attirare sempre nuova clientela: del nasturzio,
della borragine, della zinnia, del pisello odoroso, del timo, della salvia o della lavanda,
piantate nelle vicinanze, saranno un richiamo irresistibile!..."

www.vivaiopugliesi.it



www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it



Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, natura, insetti, bug, hotel, ricovero, rifugio... 







Diffondere fragranze naturali negli uffici

per ottenere il massimo dagli impiegati?
A quanto pare funziona davvero!

(14-09-2015)
 

www.vivaiopugliesi.it


"Con il passare del tempo si hanno sempre nuove conferme 
del fatto che la comunicazione di tipo non verbale solleciti la nostra
capacità d'ascolto ad un livello molto più profondo della banale chiacchierata.
Lo sanno bene tutti quelli che si occupano, a vario titolo, di pubblicità:
l'immagine possiede un potere di penetrazione ben più potente della parola.
Lo stesso potere, per esempio, viene riconosciuto anche al suono percepito dall'orecchio,
e, di conseguenza, ai vari jingle costruiti su misura al lancio di ogni nuovo prodotto.
Questo per quello che riguarda la vista e l'udito. Ma per l'olfatto? A quanto pare
le cose sembrano andare allo stesso modo, tanto che in Giappone,
alcune multinazionali, hanno pensato bene di provare a colmare questo vuoto
attraverso la profusione di fragranze naturali all'interno degli uffici delle proprie aziende,
per stimolare gli impiegati ad affrontare nelle migliori condizioni possibili
gli innumerevoli impegni a loro carico durante la lunga giornata di lavoro.
Il tutto, ovviamente, nella speranza di ottenere un’impennata della produttività.
E la cosa sembra aver funzionato davvero. Scopriamo così che l'essenza di limone,
soprattutto se percepita al primo mattino, aiuta ad essere energici e reattivi.
Nel pomeriggio, invece, vengono in aiuto aromi più delicati quali quello del gelsomino,
del geranio, della rosa e del ciliegio, particolarmente indicati
nel ritemprare le energie durante il rush finale, prima del rientro a casa.
A quanto pare, però, i giapponesi non sono gli unici ad essersi accorti della buona risposta
che si ottiene dall'irrorare gli ambienti di piacevoli fragranze naturali. Da qualche tempo,
infatti, non è raro essere accolti da gradevoli effluvi di intense essenze ai frutti di bosco
anche agli ingressi di molti dei supermercati di alcune delle catene fra le più popolari
in Germania. Come perché? Sembrerebbero incoraggiare all'acquisto compulsivo!..." 

www.vivaiopugliesi.it





Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, profumo, giappone... 








Un autentico miracolo della natura...o solo un trucco?
(29-07-2015)
 

www.vivaiopugliesi.it


"Iniziamo subito col dire che questa volta la natura c'entra davvero ben poco.
L'escamotage elaborato da una ditta cinese, la Fruit Mould, produttrice di frutta e verdura,
per cercare di attrarre le attenzioni di nuovi acquirenti all'interno di un mercato,
come quello ortofruttifero, sempre più saturo, ha però del sorprendente.
Si è pensato bene, infatti, di creare degli stampi in plastica rigida
all'interno dei quali inserire, fin dalla 'tenera età', della frutta e della verdura.
Soprattutto pere, mele, angurie e zucchine, di piccole e medie dimensioni.
Tutti prodotti insomma che crescendo vengono costretti,
per forza di cose, ad assumere la forma a cui sono stati destinati.
Il risultato? Lo potete vedere da soli: di sicuro effetto!
Senza parlare degli enormi vantaggi che un'anguria 'quadrata',
solo per fare un esempio, garantisce, nella delicata fase
di produzione, di confezionamento e di trasporto.
C'è addirittura chi ipotizza che la frutta e la verdura, così 'ridisegnata',
abbia anche un appeal maggiore sulle giovani generazioni,
contribuendo non poco al consolidamento di sane abitudini a tavola.
Per carità, sarà tutto vero, ma siamo sicuri che sia una cosa buona,
passateci il termine, violentare così pesantemente
la libertà di crescita della natura?..." 
 

www.vivaiopugliesi.it



www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it



Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, fruit, frutta, mould, cina... 








Guardare oltre la natura superficiale delle cose! 
(22-07-2015) 
 

www.vivaiopugliesi.it


"Tante volte abbiamo scritto del talento, indiscusso, che la natura
dimostra di possedere nel saper replicare linee e forme a noi molto familiari.
Che si tratti di cose, persone o animali, quello che a volte ci si ritrova ad avere
per le mani non può che lasciare divertito ed incuriosito anche l'osservatore più distratto.
Questo a dimostrazione del fatto che l'universo che ci circonda è frattale,
ossia, ha la capacità di produrre continuamente modelli simili,
in contesti anche molto diversi e all'apparenza decisamente lontani.
In questa breve ma ricca carrellata di immagini, di quella che potremmo
senza ombra di dubbio definire della 'normalissima' frutta e verdura,
abbiamo l'opportunità di esaminare da vicino alcuni esempi suggestivi
che testimoniano proprio l'attendibilità di questa teoria..."


www.vivaiopugliesi.it



www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it



Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, frutta, verdura, forma, curiosa... 








L'importanza di innaffiare correttamente 
(29-06-2015)  

www.vivaiopugliesi.it


"Soprattutto in questa stagione, con il caldo che tende far raggiungere
in pochissimo tempo temperature anche molto importanti alle nostre amate piante,
sia piccole che grandi, sia in vaso che in terra, conoscere quelle poche, ma fondamentali,
regole che ci aiutano ad impostare una corretta innaffiatura, spesso fa la differenza.
La prima di queste regole ci vuole degli attenti osservatori, dal momento che qualsiasi pianta soffra
per una mancanza d'acqua, più o meno considerevole, tenderà sempre a metterlo in evidenza nell'aspetto,
risultando appassita, dimessa e indebolita, nei casi più gravi fno ad ingiallire rapidamente.
Un test che possiamo fare è quello di 'saggiare' con le mani proprio le condizioni delle foglie:
se al contatto risultano essere elastiche e fresche allora significa che tutto sta andando per il meglio.
Viceversa, se avvertiamo un leggera sensazione di tepore traspirare dalla loro superficie vuol dire che la pianta è in cerca d'acqua.
Stessa regola vale per il terriccio, che circonda gran parte della base delle nostre piante. Di solito una condizione ottimale
è rappresentata da una consistenza piuttosto morbida, mai troppo secco e sempre leggermente umido.
A tal proposito occorre sottolineare anche il fatto che il potere drenante e trattenente
di un terriccio di tipo argilloso è ben diverso da quello di un terriccio di tipo sabbioso.
Altro aspetto da non trascurare quando le nostre piante sono alloggiate all'interno di vasi,
è il tipo di materiale utilizzato per la fattura, se abbiamo per le mani, insomma, un vaso in plastica o in terracotta.
La terracotta, infatti, a differenza della plastica possiede un altissimo grado di traspirazione,
che la porta, inevitabilmente, ad essere sconsigliata per un suo utilizzo la dove vogliamo
che tutta l'acqua immessa nel terriccio venga utilizzata, verrebbe da dire, fino all'ultima goccia.
Un consiglio che ci sentiamo di darvi, poi, è quello di lasciar decantare sempre per qualche minuto l'acqua
all'interno degli annaffiatoi, e questo per due buoni motivi: il primo è quello di consentire all'acqua
di raggiungere una temperatura il più possibile vicina a quella ambiente, in modo da ridurre i rischi legati agli shock termici;
il secondo è quello di consentire ad alcune sostanze, disciolte nell'acqua, e non sempre gradite alle nostre piante,
di depositarsi sul fondo, evitando così che finiscano cammin facendo fino alle radici assetate.
Quando innaffiare? Noi vi suggeriemo di farlo sempre durante le ore crepuscolari,
o poco prima del sorgere del sole o subito dopo il suo tramontare. Sono assolutamente da evitare
le ore più calde della giornata. In tutti i casi di una innaffiatura poderosa su piante con fiori di grandi dimensioni
è preferibile l'alba al tramonto, e questo per consentire a questi ultimi di asciugare in tempi più brevi,
contrastando con un'efficacia maggiore tutti quei fenomeni legati alla marcescenza e alla caduta prematura..." 
 

www.vivaiopugliesi.it





Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, innaffiare, acqua, estate, caldo... 









Plantoid: 
 

la prima pianta robot tutta italiana...Ha messo radici!
(25-06-2015)
 

www.vivaiopugliesi.it


"Il futuro ci riserva grandi meraviglie, molte delle quali stanno piantando solide radici
nel terreno radioso del loro avvenire già adesso. Nel caso del progetto, tutto italiano,
che va sotto al nome di Plantoid, poi, l'espressione 'piantare le radici'
travalica i confini della pura metafora per avere una connotazione tutt'altro che virtuale.
L'idea, portata avanti dal nutrito gruppo di ricercatori dell'istituto italiano per la tecnologia di Genova,
è quella di creare delle unità fisiche, autonome, robotico-comportamentali, che imitino,
in tutto e per tutto, il potenziale espresso dalle radici delle piante, soprattutto in riferimento alla loro capacità
di esplorazione ed analisi del terreno in cui si trovano collocate, dell'elaborazione dei dati raccolti
da questa analisi e della relativa capacità di risposta agli scenari diversi che si prospettano di volta in volta.
Si tratta, insomma, di mettere in opera dei raffinati organismi artificiali, che interagiscono secondo i parametri
di quella disciplina nota negli ambienti scientifici come 'biomimetica'. Altro obiettivo non trascurabile del progetto,
è quello di analizzare, in maniera approfondita, il modo in cui, alla luce di tutto questo, piante diverse
riescono ad improntare meccanismi di comunicazione, anche molto complessi, fra di loro,
tanto da essere capaci di reazioni comportamentali 'di massa' manifestate quasi in tempo reale.
Le prospettive che ci si parano davanti sono assolutamente ricche, inedite ed affascinanti, e, a ben guardare,
hanno molti punti in comune con quella che banalmente siamo soliti definire 'intelligenza artificiale'.
Per tutti quelli che volessero entrare nei dettagli di questo progetto ambizioso,
mettiamo di seguito il link al sito ufficiale dello staff di ricercatori: www.plantoidproject.eu ..." 


www.vivaiopugliesi.it



www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it



Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, plantoid, italia, robot...








Il piacere di sedersi su di un fiore colorato! 

(22-06-2015) 

www.vivaiopugliesi.it


"Esistono oggetti che non possono non attirare l'attenzione di chi li osserva,

soprattutto per il fascino e la bellezza che scaturiscono dalla loro indiscussa originalità.
È questo il caso delle famose poltrone 'fiorite' dell'Edra, poltrone che sono diventate,
in pochissimo tempo, scusate il gioco di parole, il fiore all'occhiello colorato di quest'azienda
toscana che rappresenta al meglio il Made in Italy nel mondo. L'idea è quella di poter avere
in casa propria degli autentici gioielli del design nostrano, costruiti coi migliori materiali e da artigiani di qualità,
col risultato di ottenere un omaggio estremamente elegante e ricercato al mondo fiorito che ben conosciamo.
Qui sotto trovate alcune immagini che sono solo una piccola testimonianza della grande creatività
impiegata su questi manufatti straordinari che sconfinano davvero nell'arte.
I loro nomi sono Rosa Chair, Getsuen, Soschun, Anemone o Anthurium, solo per citarne alcuni.
Per tutti i curiosi consiglio di fare un salto direttamente al sito del produttore
che trovate a questo link: www.edra.com/it ....." 


www.vivaiopugliesi.it



www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it
www.vivaiopugliesi.it



Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, poltrone, design, edra... 







Cavar sangue da una rapa?

In un futuro non troppo lontano sarà possibile!
(18-06-2015) 
 

www.vivaiopugliesi.it


"Davanti a un bel bicchiere di succo di rapa, rosso e scuro,

non vi viene naturale pensare a del sangue appena stillato dalle vene?
A noi si! Se anche voi, almeno una volta nella vita, è capitato di avere un pensiero
di questo tipo be...sappiate che non siete andati poi così lontani da quella che un giorno
potrebbe essere una straordinaria realtà. Che la rapa, soprattutto quella rossa,
fosse un alimento ricco di sostanze e principi attivi particolarmente salutari è cosa nota,
fin dall'antichita, tanto da venire spesso considerata alla stregua di un medicinale.
Quello che però era fino ad oggi del tutto sconosciuto viene evidenziato dall'esito
di una ricerca, condotta dall'universita svedese di Lund, a cui ha dato eco perfino la BBC,
che ha davvero dell'incredibile: nell'ortaggio rosso si sarebbe individuata una proteina,
molto simile all'emoglobina umana, potenzialmente in grado di diventarne all'occorrenza una degna sostituta.
Nonostante l'encomiabile lavoro portato avanti dalle molte associazioni di raccolta sangue,
presenti un po' in tutto il mondo, sappiamo bene come la richiesta del prezioso e vitale liquido,
ancora oggi, sia purtroppo ben lontana dall'essere soddisfatta appieno.
Da qui la necessità, attraverso la ricerca, di trovare delle strade sempre nuove,
magari da percorrere anche in parallelo, per arrivare in tempi brevi a delle possibili soluzioni.
La rapa rossa sembrerebbe indicarcene una percorribile..." 


www.vivaiopugliesi.it





Tag: vivaio pugliesi, garden, piante, fiori, rapa, rossa, sangue…